:: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org ::
 

:: press

 
► archivio news

► rassegna stampa

► photogallery

► mediagallery

► ufficio stampa
 

        
 

:: news

26-10-2015 Corso "Come Sviluppare il Public Coaching"

Nuovo Corso Universitario di Perfezionamento con frequenza nei week-end allo IUSTO di Torino

Public coach: esperti di dialogo nelle organizzazioni complesse
L’unico corso in Italia che è frutto di un network accademico europeo e di associazioni professionali internazionali.
Lo staff internazionale è composto da accademici, coach, esperti delle organizzazioni complesse.

L’Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo (IUSTO), in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia della Università di Jyväskylä in Finlandia e PeaceWaves International Network, organizza un corso universitario di perfezionamento in “Public Coaching”, previsto per febbraio 2016.

Il corso offre l’opportunità a tutti coloro che desiderano e vogliono diventare facilitatori ed esperti di cambiamento e trasformazione delle organizzazioni complesse nell’ambito dei servizi pubblici e delle governance locali. L’esperto dialogico progetta, facilita, coordina e guida team.

Dirigenti, leader, docenti, medici, professionisti e coach, dalla comprovata esperienza, potranno, nel dialogo, sviluppare le loro potenzialità, conoscere, approfondire e sperimentare l’approccio dialogico. Un approccio innovativo sviluppatosi in Finlandia e nei Paesi del nord Europa in questi ultimi vent’anni.

La “dialogicità”, come dicono T. Arnkil e J. Seikkula, non è un metodo né un insieme di tecniche ma è un atteggiamento, un modo di vedere, che si basa sul riconoscere e sul rispettare l'alterità dell'altro e sull'andarle incontro. La pratica dialogica è in grado di migliorare le relazioni, di generare nuovi punti di vista.

Rafforzare l’atteggiamento dialogico, la cultura dialogica promuove, nelle organizzazioni complesse e i servizi pubblici, la ricerca e il passaggio di nuovi paradigmi. Ad esempio passare dal paradigma del controllo e della paura a quello della responsabilità e dell’impegno. Le pratiche dialogiche in questo corso sono integrate con quelle specifiche del coaching, in particolare quello di ‘terza generazione’ così come definito da R. Stelter.

L’urgenza del ripensamento delle governance locali, dei servizi pubblici e di tutte le organizzazioni complesse e la necessità di trovare professionisti in grado di affrontarla fonda le sue radici nella crisi, tuttora in atto, che ha colpito l’occidente, in particolare l'Europa. Fenomeni rilevanti di questa crisi sono: la disoccupazione, l'incremento dei NEET (not in employement, education and training – ragazzi dai 15 ai 29 anni che non sono né in situazione lavorativa, né nella istruzione, né in alcun percorso formativo), la percentuale sempre più alta di anziani nella popolazione, il flusso migratorio di massa, la sfiducia crescente nelle istituzioni ed il progressivo indebolimento del welfare.

Applicare l'approccio dialogico integrato al coaching significa migliorare le relazioni, mobilizzare le risorse psicologiche delle persone direttamente coinvolte (compresi i coach) e dell'intera comunità-rete sociale di riferimento, significa saper generare il dialogo, saper stare nel dialogo, saper mantenere i dialoghi aperti.

La formazione di “esperti del dialogo” troverà sempre più vasto utilizzo nelle governance locali e nelle organizzazioni complesse, come evidenziato anche dalle ultime ricerche.

Il corso di perfezionamento risponde alla esigenza delle organizzazioni complesse ed anche a quelle dei professionisti e operatori che vogliono approfondire l'ambito dei servizi pubblici.

Il paradosso del dialogo è dato dalla semplicità e, al contempo, dalla sua complessità. È facile come la vita ed è anche complesso, proprio come la vita. Ma il dialogo, come sostiene Bachtin (1984) è qualche cosa da cui non possiamo fuggire perché il dialogo è la vita stessa:

“... L'autentica vita umana è il Dialogo Aperto. La vita nella sua reale natura è dialogica. Vivere significa partecipare nel dialogo: chiedere, rispondere, essere d'accordo e molto altro... Nel dialogo la persona partecipa interamente e attraverso la sua intera vita: con i suoi occhi, le sue labbra, le sue mani, la sua anima, il suo spirito, con tutto il suo corpo e tutta la sua mente; investe tutta se stessa nel discorso e questo discorso entra nella fabbrica dialogica della vita umana”.

Il corso è destinato ai possessori di laurea magistrale o specialistica in: psicologia, filosofia, pedagogia, scienza della formazione, medicina, antropologia, economia, scienze politiche, scienza della comunicazione, scienze motorie. Inoltre il corso è aperto ad altre lauree e a tutti i coach in possesso di almeno il diploma di scuola superiore e di almeno 5 anni di esperienza documentata e/o con credenziali PCC e/o ACC, previa valutazione del Comitato Tecnico Scientifico.

Durata complessiva di circa 6 mesi nei Week End con 112 ore di lezione frontale e laboratori, per complessivi 13 crediti CFU. L’inizio è previsto il 26 febbraio 2016. Le iscrizioni si chiuderanno il 12 febbraio 2016.

Per i Coach ICF è in corso la richiesta dei crediti presso ICF Global.

Sede del Corso IUSTO, p.za Conti di Rebaudengo, 22 – Torino.

Per maggiori info sul corso: www.ius.to
Andrea Pintonello – master@ius.to
Marco Braghero – marco.braghero@ius.to

(Voto medio 0/5 - 0 voti) Vota l'articolo

 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 

 

 

::  le ultime news

 

stampa

Bookmark and Share