:: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org ::
 

:: press

 
► archivio news

► rassegna stampa

► photogallery

► mediagallery

► ufficio stampa
 

        
 

:: news

05-10-2013 Lampedusa: l'Europa apra un canale umanitario

PeaceWaves aderisce e vi invita a sottoscrivere l'appello di Melting Pot Europa per l'apertura di un canale umanitario fino all'Europa per affermare il diritto d'asilo Europeo. Riportiamo inoltre le riflessioni di Marco Braghero, presidente PeaceWaves, e di Fabrizio Delli Grotti, psicologo psicoterapeuta.

L'appello
Le vittime dell'ennesima tragedia nei pressi di Lampedusa si aggiungo alle oltre 20.000 vite di profughi inghiottiti dal mare, nella loro disperata fuga da da guerra e persecuzioni. "L’Europa, capace di proiettare la sua sovranità fin all’interno del continente africano per esternalizzare le frontiere, finanziare centri di detenzione, pattugliare e respingere, ha invece il dovere, a fronte di questa continua richiesta di aiuto, di far si che chi fugge dalla morte per raggiungere l’Europa, non trovi la morte nel suo cammino.

Si tratta invece oggi di mettere al centro i diritti. Di mettere al bando la legge Bossi-Fini e aprire invece, a livello europeo, un canale umanitario affinché chi fugge dalla guerra possa chiedere asilo alle istituzioni europee senza doversi imbarcare alimentando il traffico di essere umani e il bollettino dei naufragi."
»  Firma l'appello

Le riflessioni
Vi proponiamo due poesie di Marco Braghero, presidente PeaceWaves, ed il commento di Fabrizio Delli Grotti, psicologo psicoterapeuta.

Disperato il mare ci guarda attonito
le onde ripetono con sordo rimprovero
dove eravate dove eravate dove eravate

________________________________________

Tra l'onda e la risacca...
Il mare custode dei corpi-persona
Il mare stravolge i pensieri egoisti
Il mare mugghia sulle parole indecenti
Il mare ci ritorna il dolore
Il mare si prende la nostra responsabilità


________________________________________

Tre pescherecci in zona avrebbero potuto salvarli ma non lo hanno fatto. Tante altre volte in passato i pescatori sono intervenuti consapevoli di rischiare l'incriminazione per favoreggiamento dell'immigrazione come stabilito dalla legge Bossi-Fini che vieta a chiunque, tranne alle forze dell'ordine, di prestare aiuto alle imbarcazioni dei migranti. Una legge stupida e contraria alle millenarie regole della gente di mare. Domani il governo invece di proclamare il lutto nazionale cancelli quella norma, subito. Questo sarebbe il miglior modo per rendere onore a quegli uomini, a quelle donne, a quei bambini.

Redazione PeaceWaves

(Voto medio 0/5 - 0 voti) Vota l'articolo

 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 

 

 

::  le ultime news

 

stampa

Bookmark and Share