Attività, eventi e progetti a sostegno dell'Afghanistan

S C H E D A

Afghanistan

La cultura come sfida per la ricostruzione

 

Autore: Marco Braghero

Fotografie: Paolo Siccardi

Casa Editrice: Ega Editore

 

Anno di pubblicazione: 2006

Numero pagine: 384

Include dvd video e pc

ISBN : 88-7670-617-8

Formato :18x25 cm

Prezzo : € 30,00

Il libro

Il delicato lavoro dell'ONLUS PeaceWaves nell'ambito della ricostruzione educativa e un reportage fotografico d'autore raccontano un Afghanistan inedito, insieme all'importante ruolo che potrebbe giocare l'Italia e l'Europa in questa delicatissima fase di rinascita del Paese.

L'Afghanistan è uno dei Paesi che detiene il più alto tasso di analfabetismo nel mondo, un Paese consapevolmente devastato e annientato nel cuore (la cultura) e nella mente (l'istruzione).
Per chi si occupa di cooperazione internazionale, ripartire dal sistema educativo vuol dire prima di tutto offrire speranza e prospettive, imparare altri linguaggi, sostenere i processi di ricostruzione e il difficile percorso di democratizzazione e di cambiamento culturale.

Il volume documenta le tappe di un prezioso lavoro nell'ambito della ricostruzione educativa portato avanti dall'onlus PeaceWaves: i progetti rivolti all'educazione superiore, l'attenzione allo sport, i laboratori musicali. Marco Braghero utilizza il sistema educativo afghano come cartina di tornasole per leggere lo stato del Paese, analizzando in modo rigoroso e dettagliato la struttura dell'educazione dei giorni nostri, consapevole che il rischio non è solo quello di non riuscire a recuperare le "generazioni perdute", bensì di perderne altre e con esse il Paese.

Il rischio di perdere l'Afghanistan, inoltre, non significherebbe "soltanto" la perdita di un Paese, di una popolazione, ma rappresenterebbe un'altra, evitabile, sconfitta dell'umanità; soprattutto di quella parte d'umanità che per ricchezza, conoscenza e potere, dovrebbe essere maggiormente responsabile. Sappiamo che questa sconfitta non sarà priva di conseguenze, sappiamo che è nelle nostre possibilità evitarla.

Le fotografie di Paolo Siccardi completano l'analisi, raccontando un Paese ricchissimo dal punto di vista culturale, che sta cercando di riappropriarsi delle proprie radici.
Un filo rosso lega queste pagine: la convinzione che la democrazia, i diritti umani, non si esportano e tanto meno si impongono, ma rappresentano una conquista lenta e molto spesso sofferta della popolazione.

(da egalibri.it)

Il volume include un dvd interattivo con video, foto e documenti sul progetto.

Presentazioni
06-02-2007 h 16.00   Roma, Sala della Mercede di Palazzo Madama - Via della Mercede 55
invito        photogallery
16-02-2007 h 18.00   Imperia, Centro Polivalente - Piazza del Duomo, Porto Maurizio
invito